TERRITORIO - il network sulla gestione del territorio
Esproprionline.it - L'espropriazione per pubblica utilità.
URBIM - edilizia e urbanistica
Exeo Edizioni Digitali Professionali: ebook e riviste web per professionisti
 
direttore scientifico: dott. Gabriele Lami ANNO X - ISSN 2037-6545
 
  Print Page




































Pip: la convenzione di assegnazione del suolo al medesimo proprietario costituisce servitù pubblica

Nell'ambito di un Piano regolatore delle aree e dei nuclei industriali, la convenzione di assegnazione suoli, avente natura di provvedimento concessorio: nel caso in cui l’assegnazione consegua ad una espropriazione, trasferisce in capo al concessionario i poteri e le facoltà dell’amministrazione “proprietaria”, nei limiti dell’interesse pubblico perseguito; nel caso in cui l’assegnazione avvenga in favore del medesimo soggetto proprietario del suolo, la convenzione ha un duplice contenuto; per un verso, costituisce contratto di costituzione di servitù pubblica sui suoli considerati; per altro verso, regola gli aspetti patrimoniali di una concessione traslativa con la quale la Pubblica Amministrazione attribuisce (tra l’altro) i propri poteri e facoltà sul bene, inerenti al diritto reale del quale essa è titolare. In ambedue le ipotesi, ed in applicazione dell’art. 1376 c.c., alla convenzione deve essere riconosciuta la natura di contratto con effetti reali, di modo che, laddove “sia già avvenuto il trasferimento del diritto”, non opera la sospensione dell’esecuzione del contratto per effetto del sequestro, di cui all’art. 56 d. lgs. n. 191/2011.


 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a : 































Powered by Next.it