NOTIZIARIO QUOTIDIANO IN FORMATO DIGITALE ISSN 2037-6545 (ANNO XII) 
Esproprionline.it - L'espropriazione per pubblica utilità.
Exeo Edizioni Digitali Professionali: ebook e riviste web per professionisti
 
direttore scientifico: dott. Gabriele Lami
 
  Print Page


























La p.a. non può assentire la proroga di una concessione ex art. 1, c. 682-683, l. 145/2018 in presenza di un interesse transfrontaliero certo

L’Amministrazione, nel provvedere sull’istanza di proroga di una concessione demaniale marittima ai sensi dell’art. 1, comma 682 e comma 683, della Legge 30 dicembre 2018 n. 145, deve considerarne la compatibilità con il diritto dell’Unione Europea, in particolare alla luce dei principi fissati dalla sentenza della Corte di giustizia dell'Unione europea 14 luglio 2016, C-458/14; infatti in tale circostanza il potere in capo alla p.a. non è rigorosamente vincolato, bensì essa deve valutare se la concessione in questione presenti un interesse transfrontaliero certo, tenuto conto in particolare della situazione geografica del bene e del valore economico di tale concessione, nel qual caso la proroga automatica è incompatibile col diritto dell’Unione Europea.


 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a : 



























Powered by Next.it